Sidebar

 
Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Persian Portuguese Russian Spanish Turkish Ukrainian

La ricarica automatica estende l'uso dei droni a livello industriale

Droni stazione di ricarica automatica

Diverse aziende stanno impiegando droni per i più svariati usi.

La versatilità dei piccoli droni a decollo verticale (i cosiddetti VTOL) che possono volare praticamente ovunque, normative permettendo, è la caratteristica principale che ne ha decretato l’enorme successo di questi anni. La tecnologia a bordo di questi piccoli velivoli a pilotaggio remoto è ormai matura e con l’evoluzione continua di sensori e microprocessori con adeguata potenza di calcolo i voli automatici sono una realtà che in futuro sarà sempre più consolidata, per impiegare questi mezzi nella sorveglianza di zone, consegnare materiale, eseguire rilevamenti periodici etc.

Tuttavia c’è un punto debole che affligge questa tipologia di mezzi aerei: la ridotta autonomia di volo.

Read more: La ricarica automatica estende l'uso dei droni a livello industriale

Chatbot, l'automa che gestisce le relazioni al posto tuo

chatbot

Un chatbot è un software che dialoga con te. O, meglio, è un software che dialoga con i tuoi clienti.

Un assistente virtuale capace di rispondere su una serie di argomenti. Il nome è composto da due parole: chat, dall’inglese chiacchierare, e bot, ovviamente da robot.

Un chatbot è, in pratica, una chat interattiva dove il nostro interlocutore non è un essere umano ma un assistente virtuale, con cui è possibile parlare e che è in grado di rispondere a una serie di domande. Con enormi vantaggi per il tuo business.

Non deve tuttavia essere banalizzato alla stregua di una chat un po' più evoluta: un chat bot è una vera e propria forma di intelligenza artificiale che diventerà sempre più importante nei prossimi anni

Read more: Chatbot, l'automa che gestisce le relazioni al posto tuo

Smart AgriFood, le principali soluzioni sul mercato

L’innovazione digitale sta cambiando il volto di uno dei comparti fondamentali del Made in Italy: l’agroalimentare. I campi e gli allevamenti, come anche le industrie della trasformazione primaria, stanno diventando veri e propri laboratori dove sperimentare le potenzialità della digital transformation.

Agricoltura di precisione, soluzioni per il monitoraggio degli allevamenti, tecnologie per la tracciabilità, sistemi per la dematerializzazione documentale: questi sono alcuni esempi di quello che possiamo definire “Smart AgriFood”, ovvero l’applicazione delle tecnologie digitali nel settore agroalimentare finalizzate al miglioramento dell’efficienza produttiva, dell’efficacia di mercato e della sostenibilità ambientale delle produzioni alimentari.

Read more: Smart AgriFood, le principali soluzioni sul mercato

L’Internet of Things per le infrastrutture di pubblica utilità. Come accelerare lo sviluppo?

Smart cities e la P.A. 4.0

In Italia, tanti sono ancora gli ostacoli che impediscono un pieno sviluppo di un ecosistema IoT per le infrastrutture pubbliche in particolare per favorire uno sviluppo nella direzione della PA 4.0.

Alla base di tutte le incertezze, c'è proprio quella sulle infrastrutture di rete: il mercato offre numerose alternative per la comunicazione degli oggetti intelligenti, sia a banda larga che a banda stretta.

Read more: L’Internet of Things per le infrastrutture di pubblica utilità. Come accelerare lo sviluppo?

Quanto può valere l'economia circolare

L’economia circolare è un modello che pone al centro la sostenibilità del sistema produttivo.

Non c’è alcuno scarto, le materie sono continuamente riutilizzate. La scarsità delle materie prime e l’eccesso di rimanenze non sono solo un’emergenza morale, ma rappresentano l’opportunità per il superamento del modello lineare (scavare, confezionare, consumare e buttare). Inoltre, la popolazione mondiale cresce a ritmi impressionanti: entro il 2030 circa 3 miliardi di nuovi consumatori spingeranno la domanda di beni e servizi a livelli attualmente insostenibili.
Read more: Quanto può valere l'economia circolare

L'e-commerce in Italia, tra ritardi e potenzialità

Acquistare e vendere beni e servizi tramite internet è divenuta oramai una pratica di uso comune in molti paesi, meno che in Italia, dove l’e-commerce rimane poco diffuso. Come emerge dalle rilevazioni Eurostat relative al 2015, il valore del commercio elettronico business-to-consumer (cioè tra imprese e consumatori) in Italia si aggira intorno ai 21 miliardi. Rispetto al complesso del mercato europeo, che ha una dimensione di 600 miliardi di euro, l’e-commerce italiano è pari ad appena il 3,6%.

Read more: L'e-commerce in Italia, tra ritardi e potenzialità