Sidebar

 
Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Persian Portuguese Russian Spanish Turkish Ukrainian

Guida alle opportunità di finanziamento U.E. 2014-2020

La presente guida mira ad illustrare le opportunità di finanziamento del periodo di programmazione 2014-2020.

Il 2 dicembre 2013 il Consiglio europeo ha approvato il regolamento che disciplina il quadro finanziario pluriennale (QFP) dell’Unione europea che definisce le priorità di bilancio dell'UE per gli anni dal 2014 al 2020. Tale decisione ha posto fine ai negoziati, durati circa due anni, e ha dato il via ai nuovi programmi di finanziamento a partire dal 1° gennaio 2014.
Il regolamento dota l’Unione europea di 959.99 miliardi di euro di impegni di spesa e 908.40 miliardi di euro di pagamenti per i prossimi sette anni di programmazione. In linea con gli sforzi di risanamento degli Stati membri, queste due voci corrispondono rispettivamente al 3.5% e al 3.7% in meno di quanto è stato stanziato nel precedente quadro finanziario 2007-2013. L’Unione europea può quindi disporre, per i prossimi sette anni, di risorse lievemente inferiori rispetto al precedente periodo di bilancio.

La maggior parte di questa somma è assorbita dai fondi strutturali a favore delle regioni più deboli e dal fondo a favore dello sviluppo agricolo. Il principale capitolo di spesa è rappresentato infatti dalla politica di coesione: con 366,8 miliardi di euro (corrispondenti al 34% del bilancio complessivo) diventa il principale strumento della politica di investimenti della UE, allo scopo di realizzare gli obiettivi di Europa 2020, consistenti nella crescita e nella creazione di posti di lavoro, nella lotta ai mutamenti climatici e alla dipendenza energetica, nonché nella riduzione della povertà e dell’esclusione sociale. Il 94% del bilancio dell’UE viene speso per progetti negli Stati Membri e al di fuori dell’UE.

Ognuno dei circa 508 milioni di cittadini europei beneficia in un modo o nell’altro del bilancio dell’UE, che aiuta milioni di studenti, migliaia di ricercatori, città, regioni e ONG a realizzare progetti che permettono di avere alimenti più sani e sicuri, strade, ferrovie e aeroporti nuovi e migliori, un ambiente più pulito, più sicurezza alle frontiere esterne dell’Unione europea, maggiore mobilità degli studenti, sostegni all’istruzione, scambi culturali. Tuttavia, al fine di promuovere la crescita e l'occupazione sono stati aumentati i fondi destinati alla crescita e alla creazione di posti di lavoro, in linea con quelle che sono le priorità politiche dell’UE. E’ stata altresì concordata una nuova iniziativa tesa a fronteggiare la sfida pressante della disoccupazione giovanile. Si segnalano le molteplici novità che contraddistinguono i programmi comunitari tematici 2014-2020, contenuti nel pacchetto relativo al quadro finanziario pluriennale.

Scarica da questo link la Guida alle Opportunità di Finanziamento dell'Unione Europea 2014-2020 redatta da Formez PA.