Sidebar

 
Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Persian Portuguese Russian Spanish Turkish Ukrainian

Messico, le novità fiscali

Lo scorso 31 ottobre il Congresso messicano ha approvato un'ambiziosa riforma fiscale che avrà significative ripercussioni per tutti i soggetti che operano in Messico.

La riforma si inserisce in un contesto piuttosto complesso per l'economia e la società messicana. Infatti, sebbene il Paese sia abbastanza ben posizionato da un punto di vista macroeconomico (il tasso di disoccupazione è attualmente al 4,9%, il deficit statale atteso per il 2013 è pari al 2,6% e l'inflazione al 3,6%), la crescita economica è ancora decisamente inferiore rispetto ad altre economie emergenti (la crescita prevista nel 2013 è dell'1,2%).

Read more: Messico, le novità fiscali

Il Brasile taglia i dazi

Il Brasile è ancora terra promessa per le Pmi italiane. Un mercato di dimensioni enormi senza le difficoltà culturali e di integrazione che caratterizzano la Cina.

il Brasile rappresenta un mercato con un giro di affari di circa 52,4 miliardi di dollari nel 2013 (il 35% dei quali rappresentato da importazioni) e in crescita del 7,7% rispetto al 2012.

L'Italia costituisce per il Brasile il settimo partner commerciale e il secondo nell'area Ue dopo la Germania.

Read more: Il Brasile taglia i dazi

Serbia

La Serbia si appresta ad intraprendere l'iter che la condurrà all'ingresso nell'Unione Europea.

Il Consiglio europeo si è infatti pronunciato a favore dell'inizio dei negoziati per l'adesione della Serbia alla Ue stabilendo che la prima conferenza intergovernativa dovrà essere indetta entro gennaio 2014. Ma già dagli ultimi anni il governo ha avviato un intenso programma di riforme finalizzate ad attrarre investimenti esteri, che hanno collocato il Paese tra i più competitivi del sud est europeo.

La Serbia presenta oggi un regime fiscale favorevole, con un'aliquota sull'utile di impresa pari al 15% a cui si aggiungono incentivi fiscali dedicati agli investitori. Viene infatti riconosciuto un credito fiscale variabile da un minimo del 20% ad un massimo dell'80% dell'ammontare del capitale investito. È inoltre consentito il riporto delle perdite di esercizio fino a un massimo di 5 anni.

Read more: Serbia