Sidebar

 
Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Persian Portuguese Russian Spanish Turkish Ukrainian

La partnership con Novin Bank Iran

Novin Bank partnership

Nel mese di giugno 2018 Autonomielocali e Novin Bank Iran hanno stretto un accordo di partnership mirato ad agevolare l'ingresso di imprenditori e di società italiane nel vasto mercato iraniano, attraverso un processo di business matching al quale parteciperanno gli staff delle due entità.

 

Novin è la prima banca di investimenti dell'Iran, ha lanciato il Private banking nel Paese ed ha inaugurato la prima piattaforma M&A (merger&acquisitions) iraniana. Offre tutti i servizi finanziari che sono oggi disponibili in Iran, inclusi Venture capital e Private equity fund, e copre praticamente tutti i settori di business, da oil&gas alle telecomunicazioni, dal farmaceutico al turismo.

La collaborazione tra Autonomielocali e Novin Bank Iran porterà alla realizzazione di un servizio, con uno sviluppo online per l'immediata accessibilità da parte di tutti i potenziali interessati, in base al quale Novin Bank si occuperà di segnalare ad Autonomielocali le esigenze di clienti iraniani, e Autonomielocali procederà a selezionare aziende italiane interessate ad esaminare e soddisfare tali esigenze, nell'ambito di un rapporto veloce e diretto con i decision makers locali, cosa che rappresenta il fattore più critico e difficile da assicurare (lo sa bene chi si è cimentato nell'internazionalizzazione-fai-da-te o tramite consulenze non di livello adeguato).

Questo nuovo servizio offerto dalla nostra azienda è un ulteriore passo volto ad aprire, in maniera quanto mai concreta e con la componente di rischio più bassa possibile, un canale privilegiato ed accreditatissimo su un mercato che risulta e risulterà essere sempre più importante, ricco e soprattutto allargato a molti altri stati del Medio Oriente - quali Libano, Iraq, Afghanistan, Siria, Yemen, addirittura Bahrein - su cui, di fatto, l'Iran già oggi esercita una fortissima influenza se non addirittura un controllo a livello politico e amministrativo nonchè commerciale.
 

"Da tempo è sempre più raro trovare una grossa notizia sul Medio Oriente che non coinvolga in qualche maniera l’Iran. Si è parlato di Iran in riferimento alle sconfitte dello Stato Islamico in Iraq e in Siria, alla resistenza dei ribelli Houthi nella guerra in Yemen, alla crisi che ha portato all’isolamento regionale del Qatar, all’instabilità dell’Afghanistan, alla ricerca di nuove alleanze da parte del gruppo palestinese Hamas e alla recente crisi politica in Libano dovuta alle dimissioni poi sospese del primo ministro Saad Hariri. L’Iran sembra essere ovunque. Non è solo un’impressione di chi legge o una fissazione della stampa internazionale. Negli ultimi anni l’Iran ha raggiunto un livello di influenza fuori dai propri confini a cui aspirava dal 1979, anno della Rivoluzione khomeinista."

Da Il Post www.ilpost.it del 01/02/2018


www.novinib.com